Interviste

 

Quotidiano LA SICILIA - Spettacolo
martedì 14 agosto 2001

Peppe Consolmagno "produttore" di suoni. 
Ospite del Womad festival in Palermo con gli Ishk Bashad

COSÌ COSTRUISCO STRUMENTI ETNICI

di Giovanna Di Benedetto

foto: Toni Luca
Peppe Consolmagno

C'è chi la musica ama ascoltarla. Chi si diletta a produrre suoni. Qualcuno, invece, sente la necessità di andare proprio alla radice e, a tutto ciò aggiunge la creazione degli strumenti. Come Peppe Consolmagno, musicista, giornalista ed esperto costruttore di caxixi, udu e berimbau che realizza utilizzando materiali naturali come la zucca, il legno, il bambù, il metallo e l'acqua.
Il percussionista riminese fa parte del gruppo Ishk Bashad - composto dalla tunisina Mouna Amari e dai palermitani Enzo Rao, violinista e Giuseppe Grifeo pianista - che si esibirà a Palermo il 19 agosto, al Teatro di Verdura nell'ambito del Womad festival.
- Sono sempre stato un tipo molto preciso e curioso, interessato alla ricerca - spiega Consolmagno -
ritengo che costruire con le proprie mani gli strumenti scegliendo i materiali più adatti avvicini alla natura ed alla cultura di un popolo. Ho iniziato con i caxixi, strumenti a scuotimento oggi di respiro internazionale dal momento che li ho costruiti su loro richiesta a Nana Vasconcelos, Trilok Gurtu, Glen Velez ed altri, realizzati impiegando come base una zucca, materiale di intreccio per il cesto e dentro dei semi. In questo lavoro bisogna prestare molta attenzione ai dettagli: i materiali sono pochi ma è importante intervenire sui piccoli particolari perché basta una minima variazione per far sì che uno strumento emetta un suono diverso dal voluto. Mi sono poi anche specializzato nella costruzione dell' udu, vaso in terracotta e del berimbau, arco monocorda di origine africana usato in Brasile, dove viene impiegato anche per accompagnare la danza-lotta Capoeira
Sono appassionato di musica tribale e come tutti coloro che cercano lontano non ho potuto fare a meno di passare dall'Africa, ma il mio punto di riferimento è il Brasile, una terra che rappresenta la fusione di differenti culture e continenti, mescolando elementi propri degli europei, degli indios e degli africani. 
Con il gruppo Ishk Bashad, di cui faccio parte, nato due anni fa da un'idea di Giuseppe Grifeo per costruire un ponte virtuale tra i vari paesi del mondo, suoniamo musica prevalentemente araba, anche se il mio apporto non è di stampo arabo. La piacevole difficoltà è stata quella di armonizzare progetti diversi. 
Credo però che la ricchezza, ciò che rende forte il gruppo sia questa diversità, questo riuscire ad unirsi per dare vita a forme musicali di ampio respiro in cui ogni figura interagisce con le altre senza mai risolversi in una soluzione monocorde.
Il nostro modo di suonare è molto diverso dal pop, l'improvvisazione per noi e' la regola. Sulla base del posto in cui ci si esibisce, del modo in cui si sente, la musica prende una piega diversa ed ogni concerto diventa così irripetibile.

Giovanna Di Benedetto

(Giuseppe) PEPPE CONSOLMAGNO 
Strada Serre, 7 - 61010 Tavullia (PU), Italy, Tel/Fax: 0721 476230, e-mail: info@peppeconsolmagno.com 

 

Link in italiano: Home page | Biografia | Progetti | Didattica | Concerti Live! | Interviste | Stampa | Foto | Cd | News | Links

English links:  Home page Biography  | Projects | Teaching | Live Concerts ! | Interviews | Press  | Photos | Cds | News | Links

 


Index in Italian and English