Brevi racconti sui brani del CD:

PEPPE CONSOMAGNO & TIMBRI DAL MONDO®

                                                    English  Portuguese

 

Peppe Consolmagno – voce, percussioni, live sample

 

Il tappeto su cui sparpaglia i suoi strumenti sembra un'officina del ritmo e dei sogni, uno spazio liberato dalla cacofonia della vita moderna e consacrato 

al piacere del suono. Peppe Consolmagno costruisce oggetti sonori per sé e per Nana Vasconcelos, uno dei suoi tanti estimatori.  Altri ne inventa utilizzando materiali recuperati durante i suoi viaggi. Altri ancora ne immagina unendo la sua voce alla sinfonia di timbri e colori che si sprigionano da questa singolare orchestra formata da una sola persona. Grandi cucurbitacee saheliane trasformate in tamburi ad acqua, un gong birmano, lo sciabordio 

di un caxixi, vasi di terracotta africani che cantano, scrosci di sanza, flauti pigmei ed altro ancora, tra Sudamerica, Africa, Asia e regioni immaginarie, tra strumenti presi in prestito dalle più diverse tradizioni e altri totalmente inventati o reinventati. Musicologo apprezzato, brillante animatore di seminari e workshop, Peppe Consolmagno costruisce i suoi spettacoli come piccoli racconti ambientati in una dimensione magica. 

(Marco Boccitto - Roma).

 

 

  1. LION HEART ( 4.48 )

hang, voce, delay

 

Il nome Leonardo pare derivi dalle parole inglesi Lion Heart, letteralmente "Cuore di Leone". La nascita di Leonardo ha ingrandito il mio cuore.

 

2. SEGREDO DA NOITE (5.08)

voce, conchiglia, conga, ferry-boat

 

In passato esistevano luoghi sacri alla quiete, dove si sarebbe potuto ristabilire il proprio potenziale equilibrio energetico. Esistevano luoghi deputati 

al silenzio. La notte è uno dei pochi momenti in cui il livello del rumore ambientale diminuisce (considerando rumore qualunque fenomeno sonoro

 indesiderato). La notte con i suoi segreti concede un po’ di diritto alla pace.

 

3. BAURIMBE’ (8.24)

berimbau, voce

 

 Tutti gli strumenti a corda derivano dall’arco musicale. Il berimbau, maggiormente conosciuto come guida dei movimenti nella danza-lotta chiamata Capoeira, è soprattutto un valido compagno, un amico fedele, sempre pronto nei momenti di tristezza. “Baurimbé” è un omaggio al nord-est brasiliano, 

alla caatinga, alla nostalgia dell’uomo costretto a lavorare lontano. Troppo lungo e costoso il viaggio per poterci ritornare.

 

4. XARA’ (2.40)  

voce, flauti ad una nota sola

 Quando in Brasile si incontrano due persone con lo stesso nome, per marcare la coincidenza si fanno scoccare le dita e si dice xará! In questo caso la coincidenza è nella  famiglia, è la madre che insegna al  figlio le vocali (a-e-i-o-u). Le vocali sono l’anima della parola, sono gli elementi dell’invenzione melodica. Le lingue primordiali erano probabilmente più espressive dato che il linguaggio e la musica erano pressochè identici.

 

5. MANAUS (8.05)  

gong birmano, voce, live sample

 

E’ un viaggio che parte dalla capitale dell’Amazzonia, Manaus, e prosegue attraverso corsi d’acqua e sentieri fino ad addentrarsi nella foresta. 

E’ un percorso nella memoria, dove i ricordi di viaggio, i nomi della frutta e delle piante, i sapori, le voci si mescolano ai ricordi legati all’infanzia.

 

6. ENCONTRO DAS AGUAS (8.45)

conchiglia, cing, acqua, simboli, tamburi ad acqua, dumbek, voce

 

“L’incontro delle acque” è un punto, poco lontano da Manaus, dove si incontrano i fiumi Rio Solimões e Rio Negro. Di color argilla il primo, e di color coca-cola il secondo, insieme dopo otto chilometri di difficoltà (differenza di temperatura e di humus) riescono ad unirsi, a mescolarsi ed a formare il Rio delle Amazzoni. I paesaggi naturalistici e mentali suggeriscono idee ed interpretazioni. Il rapporto bianco/nero, il contrasto figura/sfondo, i simboli e 

non effetti sonori, come rappresentazione dell’esperienza dell’uomo. Il piacere della confluenza.

 

7. PICOLE’ (2.47)

kalimba, voce

 

Picolé è un ghiacciolino di frutta fresca venduto dai bambini brasiliani in spiaggia. Li tengono dentro un recipiente di polistirolo che portano a spalla. 

I Paesi del sud del mondo hanno case i cui salotti si aprono sul giardino. Questo ha fatto sì che privilegiassero gli strumenti di tipo portatile. E’ il caso 

della Kalimba, chiamata anche M’bira, Likembe, Sanza, etc., una piccola tastiera a lamelle dal suono dolce ed ammaliante. “Picolé” è l’attesa, da parte 

del bambino, dell’arrivo di Babbo Natale che gli porta il regalo.

 

8. LUA (5.54)

piatti, voce, simboli

 

Lua vuol dire Luna. Anche questo è un brano acustico. La Luna , il Mare e la Donna sono da sempre strettamente correlate. E’ la Luna che regola le maree e i cicli femminili. “Lua” è l’esaltazione del timbro, delle emozioni sottili. E’ un omaggio a mia sorella.

 

9. A CRIATIVITADE È UMA DANÇA (3.18)

udu, voce

 

I vasi sonori “Udu” sono originari della Nigeria e vengono suonati dalle donne Igbo per insegnare i passi delle danze. Questo brano è una ninna nanna per il “m-io” bambino, a cui racconto che la creatività è come una danza, è ballerina, è come una zucca che ha una testa un po’ pazza, è così come quella che suono, come quella che io ho. Axé! “m-io” bambino.

 

10. A MINHA CARLOTTA (3.26)

caxixi, voce, delay

 

I caxixi sono strumenti a cui sono legato in modo particolare. Anche loro, come altri strumenti che utilizzo, sono costruiti da me. Credo che sia difficile inventare qualcosa, quello che può fare il costruttore di strumenti musicali è riuscire a collegare la creatività spontanea alla necessità di soddisfare le esigenze immediate. Questo brano è un saluto alla mia gatta “Carlotta” che dopo vari tentativi, ben cinque anni di convivenza, oggi ha una casettina nuova e finalmente lei ha ritrovato l’infanzia, io il suo affetto.

 

11. UEKKE, UEKKE (2.23)

udu, spazzole, voce, harmonizer, live sample

 

Uekke, Uekke è un brano gioioso e dal sapore funky in cui sovrappongo ritmi, gioco con i sample e la voce armonizzata, tutto rigorosamente eseguito dal vivo. E' un balance tra la fantasia e il pubblico. Uekke, Uekke segna l'arrivo di una nuova vita.

        

 


               Indietro


Index in Italian and English